Scrivere per raccogliere i pezzi

Ci sono lettere che si scrivono per comunicare al destinatario  ciò che non riusciremmo a dire perché l’emozione copre le parole.

Ci sono lettere che si scrivono perché dopo averlo fatto ci accorgiamo che non era necessario inviarle perché il vero destinatario siamo noi.

La lettera mancante_copertina

“Cara …. ,

oggi ho scritto una frase, con tanto di codice segreto. La “urlo” soltanto a te. “Non sarò pazzo fino a quando riuscirò ancora a discernere una carezza da un pugno”. Capisco quanto il mio mondo sia fatto di ipotetici piccoli gesti. Talvolta negati, talvolta inaspettati. Comprendo che la rabbia umana, d’incanto, possa divenire pietà. Ma non capisco la difficoltà di un “buongiorno”, la difficoltà di pagare un caffè al bar, la banale indifferenza di chi stringe un orticello che crede ancora suo. Il mio non è più il tempo dei perchè. Più mi sento spiazzato, più sento i miei battiti.

I nostri scricchiolii di luglio. Già. Una cornice di quello che so definire solo abbandono. Già. Nonostante gli altri. I rischi, le giustificazioni da inventare dietro l’angolo. Eccoli di nuovo i battiti. Poi il distacco, quasi necessario. Non ho ben capito se io sono salito sulla tua barca o tu sulla mia. Ma non conta nulla. Su quell’onda c’erano sdraiati i nostri respiri. E definite tutto questo sarebbe miraggio anche per il più spericolato dei filosofi. Vorrei ragionare con la testa. Ma so farlo solo col cuore. Che sanguina e pulsa. E non si arresta.

In questo preciso istante ti lascio una carezza… sperando che riesca a sfiorare quel meraviglioso mondo che hai navigato con me. Due corpi prestati a due anime…come fossero due fantasmi che, d’un tratto, avessero tatto e non solo immaginazione.  

Cara avrò paura solo quando non sentirò più il mio cuore pulsare. Quando non sarò più in grado di osservare l’indifferenza della gente.   Riprendo le parole di Luis Fernando “Chi quasi muore è ancora vivo, chi quasi vive è già morto”. Io non voglio una vita di quasi. Voglio la mia vita. Il mio mondo, la mia spavalda gioventù. Sono padre, figlio. Ma anche miseramente uomo. Che si misura ogni giorno…anche con se stesso. Cara, ho smesso di piangere. Di lamentarmi, di bussare alle porte fatiscenti.

Ti leggo quando mi dici “spaventa” ed “eccita”…  Sorrido. Con immensa tenerezza. Ti tendo ancora la mia mano. Capace di stringere e vogliosa di essere stretta. E grazie a te… Perché questo scriverci ci rende in parte beati, in parte deboli. Ma tremendamente vivi.

Max”

La lettera mancante

Per approfondire

Duccio Demetrio, L’autobiografia come cura di sé, ed. Raffaello Cortina

Sonia Scarpante, Parole evolute, ed. Sampognaro&Pupi

 

Una risposta a "Scrivere per raccogliere i pezzi"

Add yours

  1. Scrivo quasi ogni giorno da quando persi i genitori nell’80.
    Mi piace sempre più.
    Da questa primavera registro 2/3 min. di diario e mando whatsapp a circa 500 ascoltatori.
    Dicono che serve..
    G.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

Umberto Galimberti – il sito ufficiale

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Anna Perna

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Daniel Goleman

Emotional intelligence, social intelligence, ecological intelligence

Professione Antropologo

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Libera Università Autobiografia Anghiari

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Teatro Nucleo

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

cesarbrie

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Associazione Italiana Formatori

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Riflessioni.it - Dove il Web Riflette!

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Commercio Responsabile

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

GruppoLen

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Paolo Vallicelli

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Sara Salvarani

Sweet Marketing Coach

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: