Il ruolo femminile nella politica italiana

 

Quando la Politica non necessariamente deve legarsi ad una ideologia, ne tanto meno al “teatrino della politica”; non di certo ai giochi di potere.

 

Politica.

La vita è politica.

Le donne creano vita.

Le donne sono intimamente connesse con la politica.

 

scarpe

[fotografia di Barbara Sentimenti, tratta dallo spettacolo “Al caffè di Whistle Stop” Compagnia Salon De Folies, dialoghi Rossella Famiglietti, sceneggiatura e regia di Anna Perna]

 

Abbiamo avuto donne forti e tenaci, donne che sono andate oltre le fazioni. Donne che per indole eticamente corretta, hanno saputo elevarsi oltre le parti.

Due nomi per tutte: Tina Anselmi e Nilde Iotti.

Ma le giovani generazioni non le conoscono. Ecco perché scrivo di loro.

Due visioni politiche differenti, due storie con molti punti in comune ma verso due direzioni opposte. Perché erano due avversarie.

Avversarie leali.

L’Anselmi diceva di stimare la Iotti e vice versa.

Dunque, due avversarie, non due nemiche!

Questa, penso, sia la grande lezione che possiamo trarre dal loro esempio. Adulti e giovani generazioni.

Tenaci, quando i tempi non erano facili per nessuno, neppure per gli uomini, figuriamoci per le donne! Eppure, forti della loro predisposizione verso il “bene comune”, hanno corso gare al fianco di degni avversari, stavolta uomini.

E ce l’hanno fatta.

 

Tina Anselmi, tre volte sottosegretaria al ministero del Lavoro e della Previdenza sociale, dal 29 luglio 1976 occupò il dicastero del Lavoro nel governo Andreotti III.  Fatto storico, perché l’Anselmi diventò la prima donna ministro in Italia. Dopo quest’esperienza è stata anche ministro della Sanità nei governi Andreotti IV e V. È fra i principali autori della riforma che introdusse il Servizio Sanitario Nazionale. Presidente della Commissione d’inchiesta sulla loggia massonica P2, più volte presa in considerazione da politici e società civile per la carica di Presidente della Repubblica. Ma i tempi non erano pronti per una donna in quella posizione. E neppure oggi!

Nilde Iotti, è stata la prima donna a ricoprire una delle più alte cariche della Repubblica Italiana. Di formazione antifascista, diventa organizzatrice e responsabile del PCI. Fu presidente dell’Unione Donne Italiane di Reggio Emilia. Nel 1946 viene candidata dal Partito Comunista Italiano come parlamentare e viene eletta. Rieletta nel 1948 alla Camera dei deputati, siede tra i banchi di Montecitorio ininterrottamente sino al 1999 e per lungo tempo ne presiede l’Assemblea; viene infatti eletta Presidente della Camera dei deputati per tre volte consecutive, ricoprendo così quella carica per 13 anni, dal 1979 al 1992. Nessuno nella storia d’Italia ha ancora raggiunto il suo primato.

FB_IMG_1526192469180

Nonostante questi esempi, ad oggi, i dati forniti dalle organizzazioni internazionali e nazionali, l’Italia resta un paese in cui le donne continuano a essere sotto rappresentate nelle istituzioni politiche e ad avere scarse possibilità di carriera per il limitato accesso alle posizioni di potere.

Il World Economic Forum da tempo pone il nostro paese al 45° posto su 58, prendendo in considerazione gli Stati dal punto di vista delle strutture di supporto alle donne e della loro presenza nelle istituzioni rappresentative e al vertice delle aziende private.

Gli unici due settori in cui l’Italia riesce a primeggiare sono il sostegno alla maternità e l’assistenza sanitaria, ma non bastano a risollevare una situazione drammaticamente discriminatoria e penalizzante nei confronti delle donne sia nel campo professionale, che sulla scena politica, per non parlare delle mura domestiche dove continuano a subire le più vigliacche violenze fisiche e psicologiche.

… «Non credo vi sia mai capitato di essere insultate da chi avrebbe dovuto amarvi e proteggervi. Sapete qualcosa delle donne? Sapete che rimangono vergini per non essere chiamate sgualdrine o puttane? Che si sposano per non essere chiamate zitelle? Che fingono orgasmi per non essere chiamate frigide? Che si affannano a fare figli per non sentirsi più chiedere quando ne avranno uno? Che non diventano femministe per non essere chiamate lesbiche? Che smettono di mangiare per non essere chiamate vacche? Che non alzano la voce perché sanno che, per tenersi un uomo, non devono rompergli le palle. Fanno tutto quello che voi gli avete chiesto, eppure non vi basta. Le mortificate, le oltraggiate, le violentate.  E se una sola si ribella, ecco che diventa colpevole. E con lei, chi si permette di aiutarla. “La donna impari in silenzio, in piena sottomissione”, scriveva il vostro San Paolo …»

(dialogo tratto dallo spettacolo “Al caffè di Whistle Stop”)

 

Il ruolo della donna nelle Istituzioni viene percepito nella sua specificità e nella sua capacità di fornire un valore aggiunto in termini di mediazione, di pragmatismo e di sensibilità, soprattutto in provincia e nei piccoli centri, dove il rapporto tra amministratori e amministrati è più diretto e i cittadini chiedono con più forza una capacità di confronto che porti con più facilità alla risoluzione dei problemi di tutti i giorni.  Ma dai vari rapporti Censis emerge con chiarezza il divario tra la forza e il peso che le donne hanno raggiunto in tutti i livelli della vita sociale e la loro effettiva presenza e peso nelle Istituzioni. Nonostante i progressi che dagli anni ’70 in poi hanno caratterizzato la questione femminile, permane un rapporto vizioso tra la distribuzione dei carichi di lavoro nella famiglia e i mancati successi nella carriera lavorativa delle donne. Infatti,  la scarsa partecipazione delle donne alla vita politica è uno specchio inesorabile della magra presenza femminile nei ruoli decisivi e strategici della classe dirigente. E qual’ora vi fosse, alle donne continuano ad esser affidati ruoli “ancillari” sul modello della vita domestica, di alto valore simbolico ma di scarsa incidenza strategica.

Forse perché, attualmente, pare che l’immagine delle donne che si avvicinano alla politica non hanno di certo le sembianze di una Anselmi o di una Iotti.

Le donne che ci rappresentano in Parlamento, o meglio, quelle di cui sappiamo perché la TV ne parla, sono piuttosto fornite di armi seduttive improprie. Un po’ come a dire che la donna può fare politica, ma sempre assecondando il potere maschile che può decidere se sostenerla oppure retrocederla in “sedie B”. Ecco perché quello che stiamo vivendo oggi in Italia, nel 2018, non è più una questione ideologica. La vedo piuttosto come una questione  etica e  morale.

Ancora una volta una questione di Consapevolezza, quella con la “C” maiuscola.

 

 

Consapevolezza della nostra storia, delle capacità, della sensibilità, del coraggio, della passione e

del valore di cui sono fornite tutte le donne

per loro natura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

Umberto Galimberti – il sito ufficiale

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Anna Perna

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Daniel Goleman

Emotional intelligence, social intelligence, ecological intelligence

Professione Antropologo

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Libera Università Autobiografia Anghiari

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Teatro Nucleo

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

cesarbrie

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Associazione Italiana Formatori

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Riflessioni.it - Dove il Web Riflette!

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Commercio Responsabile

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

GruppoLen

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Paolo Vallicelli

inizia qui e ora a realizzare te stesso!

Sara Salvarani

Sweet Marketing Coach

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: